Manicomics Teatro

Scuola di Teatro e Circo Contemporaneo Manicomics

Dai LABORATORI PERMANENTI al TEATRO OFFICINA M

Le Tematiche
La Scuola di Teatro elegge ogni anno una tematica che funge da guida per tutti suoi percorsi: dai piccoli aigrandi, dal teatro al circo contemporaneo.
Questa pratica, nata nel 2010, caratterizza tutti oìi poerecorsi e i programmi. Dal 2010 ad oggi le tematiche sono state le seguenti:
2010/2011 La bugia
2011/2012 Don Chiscotte
2012/2013 La manutenzione degli affetti
2013/2014 Senza Parole
2014/2015 Il cibo
2015/2016 Uomo e natura
2016/2017 Omaggio a Fellini
2017/2018 Omaggio pirandello

2015/2016 e 2016/2017
Gli anni dal 2015 al 2017 nion segnano particolari svolte nella Scuola che propsegue con le didattiche e le classi impostate nell'anno 2016. E' da notare la creazione di una settimana di intescamnbi tra le classi a metà anno, circa a gennaio, con scopi sempre differenti. Tale settimana denota una modalitrà di voler far vedere quello che accade negli altri percorsi della scuola, siano essi rivolti ai piccoli o ai grandi.

2015/2016
Dal 2016 in poi la TOM si costiutuisce con un percorsop didattuco che manterrà negli anni. I percorsi rimangino gli stessi: bambini, infanzia, adolescenti e adulti e naturalmente Officina. Il percorso didattico, che, a parte piccole modifiche annuali rimarrà il medesimo per gli anni successivi, riprende la poetica e la pedagogia Manicomics dagli esordi ad oggi. Infatti dopo tanti anni, di attività ed esperienza della Compagnia, si strutttura un percorso minimo nel quale, l’allievo si possa riconoscere anche a distanza di anni. Questi sono i nodi centrali della pedagogia Manicomics che si applica alla TOM. Il SE’ (Lo zero assoluto corporeo (ovvero la decontrazione dalle tensione e l’energia zero). La STRUTTURA e le DINAMICHE CORPOREE
Equilibrio, articolazioni (giuntura coxo-femorale, scapola-braccio), il bacino, isolamento delle parti del corpo, sensibilizzazione della pelle, dal grande al piccolo e viceversa, la camminata (studio e scomposizione), il punto fisso (peso corporeo e simulazione delle forze), la camminata nello spazio (su diverse superfici), scomposizione dei movimenti di una azione attraverso la pantomima, la velocità del movimento e la sua energia (rallenti, normale, veloce). Il RITMO Contare in 3, il contrattempo. La FIDUCIA Lavoro ad occhi chiusi, la fiducia di sé, la fiducia verso gli altri, la mia fiducia verso gli altri. Lo SPAZIO Scoperta di uno spazio interno, scoperta dello spazio attorno a noi (esterno), scoperta dello spazio esterno in relazione agli altri (ad uno e a più). Il CORO La relazione primaria con gli altri (gli occhi, il corpo), il gruppo di pesci) Gli ELEMENTI e i MATERIALI Acqua, fuoco, vento, terra. I Materiali. La MASCHERA NEUTRA Ricerca della energia zero, eliminazione del conflitto fisico, eliminazione del conflitto psicologico, lavoro sulla scoperta, lavoro sulla continuità dell’energia. La MASCHERA ESPRESSIVA Le maschere della Commedia dell’arte, le maschere espressive, i tipi fissi, le maschere in generale (dal costume alla maschera astratta del personaggio). L’IMPROVVISAZIONE Il meccanismo base dell’improvvisazione (azione/reazione senza parole), l’improvvisazione della parola, TEMI DI IMPROVVISAZIONE: impersonare un materiale, l’ambiente della propria casa, l’oratore, il risveglio, la piscina, la sala di attesa del medico, il bar, la panchina, mettere in spazio con il dinamismo corporeo una poesia, il salone dei ricevimenti, i 7 cuochi. La VOCE La respirazione (alta e bassa), elementi della struttura fonatoria, la voce parlata. La SCRITTURA CREATIVA. E inoltre Le AREE DRAMMATICHE Il CLOWN, la TRAGEDIA, la POESIA e Le AREE TEMATICHE
Il TEATRO SOCIALE (il teatro come risorsa psico-pedagogica, l’operatore teatrale, il team di lavoro, le dinamiche di gruppo, la conduzione, il presupposto pedagogico, la questione economica, la creazione collettiva). La COMPETENZA COMUNICATIVA (abilità e competenze, canali della comunicazione e atto comunicativo, codifica e decodifica). La PROSSEMICA (i segnali del corpo, il carattere e il rapporto psiche-corpo, le posture e il comportamento motorio, gestuale e visivo, la comunicazione come processo di influenza)

2014/2015
I referenti del progetto della scuola di Teatro e Circo si confermano Mauro Mozzani, Allegra Spernanzoni e Rolando Tarquini che, insieme ai loro collaboratori, hanno dato, ad inizio anno, un tema che è servito da spunto ed ispirazione per tutti i corsi e le attività. Cogliendo la tematica dell’EXPO 2015 il tema dell’anno è stato “il cibo”. Giocando, ampliando il concetto e mettendo in azione la fantasia e la creatività, il tema è stato trattato veramente da ogni punto di vista e il nutrito insieme di titoli del calendario SPAM ne dà prova. Ed ecco quindi gli appuntamenti della SPAM FESTIVAL, la rassegna che ogni anno propone alla cittadinanza gli spettacoli finali preparati dagli allievi. Sabato 13 giugno ha aperto il festival lo spettacolo di Officina M , il gruppo più avanzato della Scuola, dal titolo “Romeo e Giulietta”, ovvero cibo dell’anima, presso il Teatro San Matteo con inizio alle ore 21.00. Lunedi 15 e martedi 16 giugno, alle ore 21.00 negli spazi di via Scalabrini 19 è stato presentato “Acqua cotta e altre storie”, portato in scena dal Gruppo Bambini. Giovedi 18 giugno, al Teatro San Matteo, il Gruppo Adolescenti ha mostrato il risultato del percorso di Teatro-Circo portato avanti nell’anno, dal titolo “Ristorante Impossibile”. Sempre al Teatro San Matteo, il giorno 19 giugno con inizio alle ore 21.00 è stata la volta del gruppo di adulti Movimento dal titolo “E in principio era la mela”. Il gruppo di adulti Messinscena ha presentato invece lo spettacolo “I giganti” domenica 21 giugno alle ore 21, sempre al Teatro San Matteo. Ha chiuso il festival SPAM ancora il gruppo di adulti Officina M con la replica dello spettacolo “Romeo e Giulietta”, alle ore 21.00 presso il Teatro San Matteo.
All’interno del festival SPAM, quest’anno, abbiamo visto anche uno spettacolo creato e portato avanti da alcuni operatori Manicomics e dai ragazzi e ragazze ospiti della struttura ASP:  Vugliani Alessandra, Pozzi Cristian, Bongiovanni Cristina, Cincotti Mariano, Bisi Cristina, Cerri Francesco, Cogni Miriam,Tronti Federico, Buonocore Brunello, Carlo Agosti, Mauro Chiappelloni, Matteo Ghisalberti, Agostino Bossi, Clizia Tanoni, Maria Cristina Tarquini. Lo spettacolo è stato presentato il giorno 28 giugno presso gli spazi di via Scalabrini. Ricordiamo che nell’anno passato è stato attivato anche il percorso teatrale per l’infanzia che ha concluso il suo ciclo presentando ai genitori una lezione aperta del gioco teatrale di ogni lezione. I piccolissimi erano: Bandera Tommaso, Capurri Lorenzo, Campominosi Lorenzo, Menozzi Nayeli, Ruggeri Nicole. Come sempre la Scuola di Manicomics Teatro segue lo sviluppo artistico dei suoi fondatori: parte dal teatro di movimento, per avvicinarsi, nel corso degli anni, al linguaggio del Nuovo Circo. Impegnata da anni anche nel Teatro Sociale, Manicomics Teatro crede nel Teatro che mette al centro la persona. Anche quest’anno i docenti sono stati i componenti della compagnia con alcune partecipazioni di esterni collaboratori e attori professionisti. Si sono alternati nelle lezioni dei  gruppi: Mauro Mozzani, Allegra Spernanzoni, Rolando Tarquini, Mauro Caminati, Agostino Bossi, Paolo Pisi, Matteo Ghisalberti, Maria Spelta, Samantha Oldani, Fabio Piazzi, Maria Cristina Tarquini, Alberto Fontanella e alcuni docenti esterni per le tecniche di Teatro-Circo.

2013/2014
Nonostante i tempi difficili sembra che la creatività e la voglia mettersi in gioco non vengano meno. Lo dimostrano certamente i nostri laboratori creativi che offrono, in città, una occasione unica per formarsi all’arte del teatro, del circo e della sperimentazione teatrale. Lontani dal classico modo di vedere il teatro, la nostra offerta formativa, grazie alla formazione dei suoi fondatori, soci e collaboratori che hanno girato e girano il mondo con i loro spettacoli e con prestigiose collaborazioni (ricordiamo il Cirque du Soleil, la Compagnia Finzi Pasca, il Checkov Festival di Mosca, il Festiva Internazionale di Bogotà), propone una visione dello spettacolo dal vivo che spesso ha stupito la città con azioni di strada, improvvisazioni, interventi urbani e spettacoli originali. La direzione della scuola è sempre di Mauro Mozzani, Allegra Spernanzoni e Rolando Tarquini che coordinano un nutrito gruppo di docenti e assistenti. Il tema di quest'anno è stato "SENZA PAROLE" e gli spettacoli realizzati, a fine anno i seguenti. Bambini: “Un mondo di sogni”, percorso guidato da Agostino Bossi, Maria Spelta, Alberto Fontanella e Fabio Piazzi, il gruppo di bambini ha creato, usando le tecniche del nuovo circo, uno spettacolo ideato e messo in scena da loro stessi. Il gruppo Adolescenti, junior, che si sono cimentati nelle pratiche del circo contemporaneo con l’aiuto di Claudio Cremonesi, artista e circense internazionale che collabora con Manicomics da diversi anni, ha presentato “Il mercante di parole”, anch’esso un testo autoprodotto e messo in scena con l’aiuto di Matteo Ghisalberti e M. Cristina Tarquini. Sul palco vedremo Creta Andrei, Filios Gaia, Pollini Michelangelo, Reca Tania, Palisto Micol, Amaducci Carla, Scotti Tommaso, Lucchini Marcella. Il Gruppo Adolescenti Senior invece ha presentato "SHHHH...!!!", testo prodotto dal gruppo ed è stato messo in scena con l’aiuto di Samantha Oldani e Agostino Bossi. Gruppo 1° ANNO della T.O.M.: “L’ORA in CUI …” un testo creato e interpretato dai componenti del percorso teatrale del 1° anno con la guida e di Caminati Mauro, Paolo Pisi e Matteo Ghisalberti. Messinscena: “7ROOMS” una drammaturgia autoprodotta a partire da autori quali Beckett, Boñuel, Pirandello, Euripide, Sartre, Aub. Lo spettacolo racconta una divertente e surreale storia che si svolge in un Hotel dimenticato nel quale clienti e lavoranti vivono strane suggestioni. Il percorso Messinscena è stato curato da tutti i soci Manicomics: Mauro Mozzani, Allegra Spernanzoni, Rolando Tarquini, Mauro Caminati, Agostino Bossi, Paolo Pisi e dalla collaboratrice esterna Samantha Oldani. Gruppo ospite, Compagnia di Pizzighettone con lo spettacolo: “Sognando di sognare”, un laboratorio condotto da Matteo Ghisalberti e Maria Spelta, collaboratori di Manicomics. E infine l’evento speciale dello SPAM FESTIVAL 2014, pensato e creato in collaborazione con i Venerdi Piacentini. Titolo: LA ZOMBATA! una sorta di corteo e Flash Mob in cui una trentina di zombie truccati perfettamente, hanno invaso le vie di Piacenza durante i Venerdi Piacentini.

2012/2013
I CORSI 2012/2013 sono stati tenuti sempre presso gli spazio di Via Scalabrini 19. Percorsi per bambini, adolescenti e adulti con i due gruppi di Movimetome Creazioni e l'ulteriore proposta dellOfficina M. Tematica: LA MANUTENZIONE DEGLI AFFETTI. Un titolo apparentemente difficile e impegnativo ma che ha stimolato studenti e insegnanti e li ha portati a creare alcune messa in spazio particolarmente interessanti rivolte al Teatro da Camera. I titoli delle rappresentazioni finali allo SPAM FESTIVAL per i più piccoli: BAMBINI “LA GRANDE ASTRONAVE”, ADOLESCENTI (TEATRO CIRCO) “OFFICINA AFFETTI”. I percorsi CREAZIONE e MOVIMENTO (adulti) hanno lavorato invece congiuntamente in una location differente dalle solite sperimentando una forma teatrale denominata “Teatro da Camera” riferendosi con questo termine ad una modalità rappresentativa più intima, per spazi ridotti e per numeri di spettatori non elevati. Lo spettacolo si è tenuto negli spazi degli Ospizi Civili di Piacenza in via Scalabrini 19, ed è stato una rappresentazione “da camera” itinerante, dal titolo “AFFETTI A CATENA”, che ha visto coinvolti spazi e location insoliti e molto differenziati. Gli attori hanno accolto piccoli gruppi di spettatori all’interno delle sezioni dei Centri di accoglienza degli Ospizi Civili in cui hannio incontrato il pubblico con breve ed efficaci performances, trasformando, per due serate, i Centri in setting naturali per le creazioni teatrali preparate. Questo lavoro è stato reso possibile grazie alla grande disponibilità dei responsabili delle strutture A.S.P. di via Scalabrini 19, degli operatori dei Centri coinvolti e degli stessi ospiti, che, in alcuni, casi saranno spettatori molto particolari all’interno delle “stanze” di rappresentazione. La scuola Teatro Officina M si è avvalsa quest’anno dei seguenti docenti, assistenti e stagisti: Allegra Spernanzoni, Rolando Tarquini e Mauro Mozzani (che curano anche la direzione della scuola), Mauro Caminati, Agostino Bossi, Paolo Pisi, Samantha Oldani, Graziano Marafante, Giorgio Branca (per gli aspetti di Commedia dell’Arte), Claudio Cremonesi (per gli aspetti di Jonglage, acrobazia e nuovo circo), Antonello Cassinnotti (di DelleAli Teatro), Alayde Spernanzoni, Maria Spelta, Mariana Maniglia, Cristina Tarquini, Fabio Piazzi, Matteo Ghisalberti, Graziella Rimondi.

2011/2012
I CORSI 2011/2012 e LUOGHI DI SVOLGIMENTO sono stati tenuti e si sono svolti come di seguito descritto:
Percorso Bambini presso Sagrestia Ospizi Civili di Piacenza via Scalabrini 19, Percorso Adolescenti presso Sagrestia Ospizi Civili di Piacenza via Scalabrini 19, Gruppo Movimento (adulti) presso Sagrestia Ospizi Civili di Piacenza via Scalabrini 19, Gruppo Creazione (adulti) presso Sagrestia Ospizi Civili di Piacenza via Scalabrini 19, Percorso Officina M presso sagrestia Ospizi Civili di Piacenza via Scalabrini 19, Direzione dei percorsi: Allegra Spernanzoni, mobile 333 1741885 Amministrazione: Maria Cristina Tarquini, mobile 339 2908344
DOCENTI AS: Allegra Spernanzoni RT: Rolando Tarquini, MM: Mauro Mozzani PP: Paolo Pisi, MC: Mauro Caminati AB: Agostino Bossi GM: Graziano Marafante SO: Samantha Oldani ASSISTENTI MCT: Maria Cristina Tarquini, CT: Clizia Tanoni GR: Graziella Rimondi, SG: Serena Groppelli MS: Maria Spelta, MG: Matteo Ghisalberti FP: Fabio Piazzi STAGISTIClizia Tanoni, Mariana Maniglia. Il personaggio guida dell'anno è DON CHISCIOTTE e la scelta drammaturgica verte su uno spettacolo di strada e itinerante che coinvolge TUTTI i gruppi degli iscritti. Un grande spettacolo itinerante in cui gli attori sono i BAMBINI, gli ADOLESCENTI e i due gruppi di adulti CREAZIONE e MOVIMENTO della TOM.
La scrittura viene fatta a più mani, dai docenti e coordinata degli assistenti attraverso un testo creato collettivamente e gestito su copia comune con strumenti disponibili sul WEB (Google Document). La stesura finale della drammaturgia è curata da Allegra Spernanzoni. Lo spettacolo finale, dal titolo DON CHISCIOTTE, IL CAVALIERE DELL'ETERNA GIOVENTU', viene presentato per due giornate consecutive allo SPAM FESTIVAL 2012 presso Palazzo Farnese.

2010/2011
Ormai stabilizzatasi sul nome TEATRO OFFICINA M, SCUOLA DI ARTI TEATRALI di MANICOMICS TEATRO la scuola lavora quest'anno con i percorsi dei bambini e degli adolescenti, degli adulti e dell'officina (con 2 gruppi). Nasce quest'anno l'Officina dell'Attimo, un tentativo di percorso autonomo dei più avanzati dell'Officina M che però trova poca motivazione e si arena tra la voglia di fare e le difficoltà. Il tema portante è LA BUGIA e il festival SPAM raccoglie sia le nostre produzioni che alcune esperienza parallele presenti sui territori limitrofi. In particolare da segnala il cambio della sede, sia di lavoro che amministrativa. Grazie al lavoro svolto da Rolando Tarquini e Mauro Mozzani tutti i corsi si spostano negli spazi di via Scalabrini 19 presso una struttura pubblica con spazi prestigiosi e antichi. Di seguito la locandina del Festival Spam con gli spettacoli presentati.

2009/2010
E siamo all'anno 2010. La SPAM cambia nome ancora una volta e questa volta per trovare una denominazione definitiva, stabile. TEATR OFFICINA M. Dove M sta a far capire la paternità (Manicomics) ma sta anche per Movimento a dimostrare l'approccio e la filosofia dei perocorsi. E ripartono i corsi ormai classici e lo SPAM festival (che mantiene il nome).

Da una intervista ad Allegra Spernanzoni e Rolando Tarquini:

"I percorsi hanno l'obiettivo di fornire gli strumenti adatti alla libera espressione dell'individuo e delle sue capacità interpretative e creative, per far sì che l'arte dell'attore abbia la possibilità di ricrearsi continuamente grazie alla nuova linfa portata in campo da giovani allievi. A tale scopo Officina M si riferisce ad un teatro visivo e visionario, dove il movimento divenga parola e la parola sia cosciente della propria parte nel gioco della comunicazione, dove la voce sia maschera/persona capace di evocare l'indefinibile e lo spazio si ricrei in mondi originali, dove la comicità e la ricerca del proprio clown sostengano il lavoro dell'attore. Anche quest'anno abbiamo scelto una tematica che ricorre in tutti i laboratori. Una tematica che, pur lasciando assolutamente liberi i docenti, dovrà mantenere un filo rosso tra i percorsi creativi. Questo perché crediamo che il teatro debba portare sulle assi del palcoscenico immagini e ricerche che ci aiutino a capire ciò che ci circonda. OFFICINA M, con oltre 10 anni di esperienza, ha lavorato su testi e drammaturgie diversificate. Da Beckett a Calvino, da Shakespeare a Scabia, da Durrenmat a Cortazar, da Boris Vian a Pennac, da Ballard a Camus. Dal 1996 ad oggi ha incontrato e avvicinato all'arte del fare teatro più di cento persone all'anno".

Ed ora i percorsi 2010 presenti allo SPAM Festival: aprirà la rassegna la sezione Adolescenti, con lo spettacolo "PORTE IN FACCIA" curato da Allegra Spernanzoni e Agostino Bossi; seguirà lo spettacolo "T.R.A.G. Diritti" tratto dalla Carta dei Diritti del Fanciullo presentato dal gruppo Bambini e curato da Paolo Pisi e Allegra Spernanzoni. Per i gruppi di Adulti sarà presentato il percorso del Primo Anno, dell'Officina che presenterà "IL SUICIDA" tratto dalla commedia di N. Erdman e infine il percorso dedicato alla formazione della figura di Operatore di Teatro Educazione, dimostrazione di lavoro dal titolo "INCONTRI", conferenza teatrale sul Teatro Educazione curato da Allegra Spernanzoni.

2008/2009
E' l'anno della stabilità e dell'approfondimento. La SPAM organizza un corso principianti, (1° anno), un percorso per i Bambini e uno per gli Adolescenti, due percorsi per l'Officina (Tragedia e Commedia) e un ulteriore percorso dei più avanzati, denominato "Officina Allestimenti" che porteranno in scena tutte le performance già create in precedenza dai percorsi "Officina". Questi gli allestimenti messi in scena: CARAMELLE AL LAMPONE - sez. ADOLESCENTI curato da Allegra Spernanzoni e Agostino Bossi; I MITI DELLA SOFFITTA - sez. BAMBINI curato da Allegra Spernanzoni e Paolo Pisi; NULLA E' SERVITO – OFFICINA curato da Allegra Spernanzoni; LEZIONE APERTA - sez. TEATRO EDUCAZIONE e SOCIALE curato da Allegra Spernanzoni; IL CONDOMINIO – OFFICINA curato da Allegra Spernanzoni; OSCILLAZIONI - sez. I° anno curato da Rolando Tarquini; IL FIORE E LA PESTE – OFFICINA curato da Rolando Tarquini; NOISES – OFFICINA curato da Allegra Spernanzoni. Il Progetto STAGE ospita quest'anno un fitto percorso di incontri sull'arte della Regia condotto da Massimo Munaro del Teatro del LEMMING di Rovigo. Nasce quest'anno anche lo SPAM FESTIVAL, un festival di teatro-laboratorio che accoglie tutte le proposte di spettacolo presentate dalla SPAM, presso il Teatro San Matteo di Piacenza.

2007/2008
Il gruppo Bambini mette in scena CHI HA RUBATO IL TEMPO tratto dal Romanzo MOMO, sotto la guida di Allegra Spernanzoni e Lara Boselli. Il gruppo degli Adolescenti mette in scena un testo autoprodotto dal titolo DRAMA STORY, ovvero "Romeo e Giulietta e dieci piccoli Blues Brothers" un lavoro condotto da Allegra Spernanzoni e Mauro Caminati . Si tratta di una commedia scanzonata, scritta dal gruppo dei ragazzi (tutti di età che va dai tredici ai diciassette anni), sulla falsa riga di opere teatrali e non, classiche e contemporanee, come si evince dal sottotitolo. Il percorso del Primo Anno invece presenta SHH … NON ACCENDERE LA LUCE!, sulla tematica de "la notte", un tema evocativo e impegnativo che li ha visti lavorare sia sull'aspetto di scrittura che sulla messa in scena, coordinati da Rolando Tarquini e Agostino Bossi. L'Officina Teatrale, il percorso per i più avanzati, quest'annno produrrà due spettacoli che verranno presentati in momenti e situazioni differenti. Il primo, SOGNO DI UNA NOTTE DI INIZIO ESTATE, un lavoro tratto dal famoso testo di Shakespeare, sarà presentato il 21 e il 22 Giugno al Parco di Villa Raggio a Pontenure. Il percorso fu condotto da Mauro Caminati e Allegra Spernanzoni di Manicomics Teatro con interventi di Jacine Diouri e Samantha Oldani.

Mentre la seconda proposta venne ospitata all'interno del calendario del festival teatrale LULTIMAPROVINCIA, che in quell'anno si tenne in settembre. Le date previste furono due, una a Carpaneto e una a Piacenza, all'interno di Palazzo Farnese. Nasce quest'anno anche il Progetto STAGE, proposto e organizzato da Allegra Spernanzoni. Il Progetto Stage consta di momenti di approfondimento e/o formazione con esperti nazionali e internazionali: attori, ballerini, registi e drammaturghi. L'anno in corso propone i seguenti maestri: Paola Chiama, teatro danza; Stefania Trivellin, danza espressiva ed improvvisazione; Renato Gabrielli, drammaturgia; Roberto Manetti, Scherma teatrale.

2006/2007
I percorsi L.P.M. cambiano nome e, grazie ad una intuizione di Allegra Spernanzoni, nasce la S.P.A.M. Scuola Per Attori Manicomics. Ecco uno scritto di presentazione di quell'anno.

"SPAM, l'attore colpito al cuore (questo il curioso e interessante sottotitolo del percorso formativo) è una scuola di preparazione per attori ed è rivolta a giovani dai 18 ai 27 anni che vogliano intraprendere un cammino approfondito nell'arte del teatro a scopi professionali. Da anni Manicomics Teatro opera nel campo della formazione delle giovani generazioni e questa scuola è il coronamento di un percorso di ricerca sull'arte impossibile dell'attore. Abbiamo chiesto a Rolando Tarquini, Presidente di Manicomics Teatro, quali sono gli obiettivi della scuola: "la scuola si prefigge di fornire gli strumenti adatti alla libera espressione dell'individuo e delle sue capacità interpretative e creative, per far sì che la magnifica arte della scena abbia la possibilità di ricrearsi continuamente grazie alla nuova linfa portata in campo da giovani uomini e donne di buona e grande volontà. A tale scopo SPAM si riferisce ad un teatro visivo e visionario, dove il movimento divenga parola e la parola sia cosciente della propria parte nel gioco della comunicazione, dove la voce sia maschera/persona capace di evocare l'indefinibile e lo spazio si ricrei in mondi originali, dove la comicità e la ricerca del proprio clown sostengano il lavoro dell'attore".
Ma perché un attore Manicomics? "La Compagnia e i sui fondatori, nonché gli insegnanti facenti parte del Corpo Docente della Scuola, offrono una formazione che segue l'originale poetica Manicomics, la quale nasce a partire dall'insegnamento di alcuni grandi Maestri del Novecento come Jaques Lecoq, Eugenio Barba, Yves Lebreton".

La S.P.A.M. vuole configurarsi proprio come una Scuola di Teatro e dare a Piacenza una offerta formativa differente. Questa la proposta.

INSEGNAMENTI PRIMO ANNO
Il programma didattico del primo anno prevede due incontri settimanali di 3 ore ciascuno e 4 sessioni di approfondimento a frequenza obbligatoria di 8 ore ciascuno durante l'anno.
MATERIE
Training e studio del movimento
Vocalità Canto
Maschera neutra
Maschera larvale Maschera espressiva

Dizione
Improvvisazione Affabulazione

Ricerca sul clown contemporaneo
Acrobatica e giocoleria Rudimenti di scenotecnica

Scrittura drammaturgica
Storia del Teatro Pedagogia Teatrale

INSEGNAMENTI SECONDO ANNO
Il secondo anno prevede 2 incontri settimanali di 3 ore ognuno e 4 sessioni di approfondimento a frequenza obbligatoria di 8 ore ciascuno durante l'anno. Propone lo studio dei generi teatrali:
PERCORSI
La Tragedia Classica e Contemporanea Sperimentazione sul Grottesco Il Genere Comico e le sue derive
La Satira e il Surreale Noveau Cirque Sperimentazione sul Teatro per Spazi Aperti
Teatro e Terapia Studio avanzato sulle Tecniche di Training dei Maestri del Novecento L'Arte Scenografica e il Costume
Approccio ai testi cardine della letteratura teatrale classica e contemporanea

I DOCENTI
I docenti della SPAM saranno i componenti di Manicomics Teatro, da anni impegnati nel lavoro drammaturgico e pedagogico. Inoltre la SPAM si avvale di Collaboratori di chiara fama e di appurata professionalità tecnica ed artistica, provenienti dal mondo del teatro, dell'Università e dalle Accademie del settore.
Una proposta ricca ed articolata quindi che sottende un largo interesse e investimento per l'aspetto di pedagogia teatrale e di formazione. Chiediamo a Tarquini come mai questa scelta: "Vogliamo trovare un uomo per un teatro di movimento, visionario e visivo, in ascolto della dinamicità del tempo, militante per eccesso di ironia e per ironia colpito al cuore, come uno sparo dalla cruda realtà … che senza posa barcolla grottesco, eccentricamente comico, perché questo suo andare incerto divenga una danza rituale, dove il corpo si ricrea limpido".

Proseguono i corsi per Bambini e Adolescenti. Il Secondo Anno affronta un testo classico di Aristofane, PLUTO, condotto da Paolo Pisi. Il Primo Anno porta in scena NUVOLE, guidato da Rolando Tarquini, uno spettacolo creato a partire da contributi di: Ludovico Einaudi, Woody Allen, Fernando Pessoa, Pier Paolo Pasolini, Fabrizio De Andrè, Domenico Modugno, Fiorella Mannoia, Enzo Jannacci, Paolo Conte, Jim Morrison.

Il percorso dell'Officina iniza a lavorare sullo spettacolo K, tratto dal romanzo di Franz Kafka IL PROCESSO.

2005/2006
Il percorso Bambini produce lo spettacolo I CORISTI preparato da Paolo Pisi e gli adolescenti allestiscono un lavoro a partire dal testo di Bram Stoker DRACULA. Anche quest'anno il Primo Anno è formato da due gruppi. Quello del Lunedi e quello del mercoledi. Lo spettacolo sarà però unico e si intitolerà IL PARCO DELLE CATTIVERIE, rappresentato all'aperto, con modalità itinerante al Parco della Galleana a Piacenza. Il secondo anno, sotto la guida di Allegra Spernanzoni, affronta un percorso differente, girando un cortometraggio sulla CATTIVERIA. L'Officina Manicomics nasce ufficialmente in questa annualità riproponendo una nuova versione di NULLA E' SERVITO con la conduzione di Allegra Spernanzoni e la collaborazione di Rolando Tarquini. Eccone il manifesto:

"L'Officina Manicomics, luogo di sperimentazione sui linguaggi teatrali, quest'anno ha sviluppato un percorso laboratoriale in cui si indaga la forma teatrale e le sue modalità di rappresentazione. Al termine di un percorso sulla comicità, sulla poesia e sul grottesco, l'Officina ha prodotto questa scrittura originale che presenta per la prima volta ad un pubblico. Il tema è il nulla che ci circonda, che anneghiamo nella quotidianità … che ci annega quotidianamente. Lo spettacolo è giocato con l'esilarante e, allo stesso tempo, agghiacciante leggerezza di chi, come i grotteschi personaggi che si muovono in scena, rifiuta ormai la voce della propria coscienza.

COME E' NATA "OFFICINA MANICOMICS"
Il Laboratorio Permanente Manicomics Teatro è organizzato in corsi serali e pomeridiani ed ha durata curricolare di due anni. Dal 2003/2004 è stato introdotto un programma formativo per il terzo anno come naturale prosecuzione didattico/pedagogica del biennio: quest'ultimo anno è l'Officina Manicomics, lo spazio della sperimentazione.
L'Officina Manicomics trae le proprie origini da una considerazione: chi torna per il terzo anno a fare un percorso laboratoriale e vuole approfondire la propria ricerca nel campo dell'espressività, non è certo un professionista, ma è, altrettanto certamente, un dilettante molto professionale. Costui racchiude, infatti, in sé alcune delle caratteristiche sia del professionista che dilettante, figure entrambe con cui il Teatro si trova ogni giorno a confrontarsi: ha in sé del primo il desiderio di approfondire e mettersi alla prova in percorsi sempre diversi, e dell'altro l'ingenuità di chi non sa, quindi vuole esperire.
Immancabile tra le caratteristiche di chi decida di proseguire un percorso organico nell'ambito della formazione teatrale è la passione per il lavoro di costruzione colletiva, come l'etica e la poetica Manicomics progetta e vuole da sempre. A questo strano essere anfibio, centauro che spesso si nasconde tra le pieghe dei tessuti di scena, abbiamo dato il nome di improvvisattore.
Nell'Officina Manicomics, quindi, tre sono gli attrezzi del mestiere dell'improvvisattore: la costanza richiesta dalle imprese ardue, la curiosità che non deve mai venir meno in chi gioca con la propria creatività, la disponibilità a farsi unici e multipli nel lavoro di gruppo.
E proprio di attrezzi e di un mestiere si dovrà parlare nell'Officina. Perché in essa, sotto la guida di un collaboratore Manicomics, ognuni improvvisattore dovrà portare ciò che nei due precedenti anni ha assimilato e metterlo a servizio del gruppo e di una sperimentazione teatrale, la quale, di anno in anno, verrà proposta e decisa collettivamente.
Da un'Officina che si rispetti deve uscire un prodotto finito e in sé compiuto: tale prodotto non sarà un tentativo di avvicinarsi al teatro professionistico, né un saggio di fine anno, bensì qualcos'altro.
Questo qualcos'altro, ci sembra, possa essere uno dei percorsi possibili per far sì che la sperimentazione sfugga alle dinamiche del mercato che stritolano nel meccanismo di prodotto/consumo qualsiasi intento di pura ricerca e allo stesso tempo il modo per dare una dignità e una prospettiva di un lavoro serio sul sé espressivo (se pur non professionistico) a chi da anni dimostra una dedizione al linguaggio e alla cultura teatrali alto ed eticamente corretto.
L'Officina Manicomics è, dunque, la conclusione di un persorso di educazione all'atto espressivo, percorso che, dunque, non si può mai considerare concluso, ma in continua evoluzione: per questo, l'Officina sarà un luogo dove, dopo aver svolto il percorso biennnale, l'improvvisattore potrà trovare un gruppo di ricerca militante continua e costante. Il gruppo teatrale Manicomics, impegnato su molteplici fronti nel campo della formazione, vuole in questo modo offrire una proposta formativa per un'utenza dai diciotto anni in poi completa con prospettive di una ricerca seria e appassionata nel campo della cultura e dell'arte del teatro".

2004/2005
Da questo anno in poi la struttura dell'L.P.M. rimane sostanzialmente invariata: percorso bambini, adolescenti, primo anno, secondo anno e Officina. Con differenziazioni generali ma sostanzialmente mantenendo queste proposte. Il percorso Bambini è curato da Paolo Pisi e Allegra Spernanzoni. Il percorso Adolescenti, curato da Allegra Spernanzoni, porterà in scena LA BATTAGLIA DI RONCISVALLE, un libero adattamento dal testo di Giuliano Scabia da TEATRO CON BOSCO ED ANIMALI. Il Primo Anno, guidato da Rolando Tarquini porterà in scena MATRIMONIO.

L'Officina inizia ad assumere, da questo anno e grazie al lavoro di Allegra Spernanzoni, la forma che conserverà negli anni ovvero un gruppo di sperimentazione e ricerca nell'ambito del teatro, formato da professionisti e non professionisti. Viene prodotto il primo spettacolo che sarà replicato più volte nell'ambito del nostro territorio e al di fuori di esso: NULLA E' SERVITO. Questo è anche l'anno della nascita dei percorsi tematici, creati da Allegra Spernanzoni per meglio contestualizzare la proposta creativa: IL GIOCO DEL TEATRO per bambini e pre-adolescenti – dai 6 ai 13 anni, IL CONFLITTO E L'ESTASI, per adolescenti – dai 14 ai 17 anni e il PERCORSO DELL'IMPROVVISATTORE per adulti – dai 18 in poi

2003/2004
In questo anno nascono i percorsi per bambini e preadolescenti e continuano i percorsi del primo, secondo e "terzo" anno, che, per la prima volta prende il nome di Officina. L'Officina nasce per volonta di sperimentazione e per dare continuità all'esperienza teatrale degli anni precedenti.

I due nuovi percorsi, per bambini e preadolescenti vennero così presentati:

"LABORATORIO TEATRALE ADOLESCENTI
MANICOMICS TEATRO organizza un laboratorio teatrale rivolto agli adolescenti di età dai quattordici ai diciotto anni che intendono iniziare o approfondire la visione di un linguaggio teatrale basato sul movimento e sull'immagine:
• costruzione del personaggio;
• improvvisazione;
• tecniche di narrazione;
• lavoro sulla maschera neutra ed espressiva;
• costruzione drammaturgica di gruppo;
Nel programma del corso sarà data particolare attenzione al lavoro individuale di ciascun partecipante, ognuno dei quali sarà accompagnato e spinto ad affrontare il proprio agire creativo di pari passo con quello tecnico.
Frequenza: da Ottobre a Maggio. con incontri a cadenza settimanale.

CORSO DI TEATRO BAMBINI
Il laboratorio teatrale permanente Manicomics, apre le sue attività ai più giovani, organizzando un corso di teatro rivolto a ragazzi/e e bambini/e dai sei ai tredici anni.
I percorsi prevedono :
• clowneriè - trucco e travestimento;
• giochi teatrali di espressività e di conoscenza;
• laboratorio di costruzione con materiali di recupero;
• costruzione drammaturgica di gruppo;
• preparazione di uno spettacolo finale;
Frequenza: da Ottobre a Maggio, con incontri a cadenza bisettimanale".

Il gruppo del Primo Anno Adulti fu molto numeroso, tanto da obbligarci a organizzare due gruppi distinti, in due serate distinte. Il gruppo del Lunedi e il gruppo del Mercoledi. Gli allievi lavorarono su una sola tematica, IL VIAGGIO, e produssero lo spettacolo dal titolo IGNOTI VIAGGIATORI formato dai seguenti quadri tematici: ITACA, VITA DI SCOPPIA, DAL FINESTRINO, QUEL CHE RESTA DELLA MEDUSA, UN VIAGGIO PARTICOLARE, IL PIU' BEL VIAGGIO DELLA MIA VITA, ROTTAMARA, DESIDERI RUBATI, IL VIAGGIO DI UNA LUMACA.

Il Secondo Anno lavorò con Rolando Tarquini sul tema del CUORE e produsse lo spettacolo … CUORI, appunto. Il tema del cuore come tema generale. Il cuore come sentimento dell'anima, come organo fisiologico, come definizione di vocabolario ma anche come … cuore del carciofo. Il pretesto fu una sala da ballo, una "milonga" dove i personaggi che si incontrano sono a dir poco strani. Quest'anno, con un piccolo manipolo dell'Officina, Rolando Tarquini mette in scena IL MATRIMONIO DELLE PRINCIPESSE, in collaborazione con le associazioni T.E.A.N.O. e O.P.E.L.P.O. e lo rappresenta a Milano, allo Spazio Oberdan. In questo inizia la collaborazione con manicomics Teatro Allegra Spernanzoni che incomincia ad occuparsi dei percorsi dell'Officina.

2002/2003
L'L.P.M. si struttura in tre annualità: un primo, un secondo e un terzo anno. I partecipanti al Primo Anno presenteranno lo spettacolo ZERO PER UNO tratto da STORIE DI CRONOPIOS E DI FAMA di J. Cortazar, curato da Mauro Mozzani in collaborazione con Paolo Pisi e Rolando Tarquini e luci di Graziano Marafante. Il Secondo Anno lavora sotto la guida di Rolando Tarquini coadiuvato da Paolo Pisi sul testo di Boris Vian GENERALI A MERENDA, sottotitolato "Azione collettiva sulla guerra a partire dal testo Generali a merenda di Boris Vian e dalla colonna sonora del film IL RE LEONE".

Dal testo drammaturgico: "… d'altronde in questa epoca, in cui tutti spremono profonde riflessioni, dire idiozie è il solo modo per provare di avere una mentalità libera e indipendente …"

2001/2002
Anche quest'anno due percorsi laboratoriali. La pubblicità del percorso racconta così il programma.

"L'attività sarà strutturata in tre fasi:
• una prima fase preparatoria di lavoro rivolto ad esplorare alcuni strumenti e tematiche teatrali quali la voce , l'interpretazione del testo, il movimento e l'uso del corpo ..
• una seconda fase rivolta alla creazione e scrittura di un testo originale nato dal percorso comune
• una terza fase rivolta alla messa in scena dello spettacolo finale che verrà presentato in un teatro del territorio Piacentino.
• L'attività è svolta da novembre a maggio con un incontro settimanale della durata di 3 ore in orario serale per permettere a tutti di partecipare, sono previsti inoltre degli stages mensili di approfondimento su argomenti specifici quali la voce, la commedia dell'arte, il clown, il canto, ed altri.
• Il percorso è consigliato a tutti coloro che vogliono intraprendere un'esperienza laboratoriale rivolta al lavoro dell'attore, ma anche a docenti, insegnanti, animatori e a tutti coloro .che si interessano di comunicazione. Il gruppo di lavoro sarà composto da circa 20/25 persone, l'accesso al laboratorio sarà libero e aperto a tutti i maggiori di 18 anni, al momento dell'iscrizione verrà effettuato un breve colloquio conoscitivo e sarà richiesta una minima disponibilità ad un percorso di training fisico".

Il Primo Anno lavora su LE CITTA' INVISIBILI di Italo Calvino e porta in scena lo spettacolo BLU COBALTO. Il percorso è curato da Mauro Mozzani, Rolando Tarquini e Paolo Pisi. Il Secondo Anno lavora sul testo LA VISITA DELLA VECCHIA SIGNORA di Durrenmatt. Il percorso è curato da Mauro Mozzani. E' da ricordare, in quest'anno l'allestimento di una performance chiamata PFM#1, che, su idea di Rolando Tarquini, si è sviluppata con l'aiuto dei partecipanti dell'Officina. Dalla presentazione:

"PFM#1: performance di Rolando Tarquini e Officina Manicomics
Partecipanti: 4 pecore vere e 10 attori veri - durata: dai 30 ai 90 minuti - produzione Manicomics Teatro
PFM#1 nasce all'insegna della domanda: è nato prima l'uomo o la pecora? Inaugurazione della discoteca SO DELICIOUS in MILANO. Pecore vere e pecore attori all'entrata e pecore utenti all'interno. Tutti chiusi in "gabbie", anche se di diverso tipo, a similitudine della massificazione. Pecore da ogni parte. Provocativa e divertente, da fare una volta sola, al massimo del piacere".

2000/2001
L'L.P.M. lavora da quest'anno su due annualità. Il primo anno presenta uno spettacolo dal titolo COME RUGGINE LENTAMENTE, curato da Mauro Mozzani con il supporto illuminotecnico di Graziano Mrafante Il secondo anno presenta lo spettacolo TEATRO UMANO, tratto da un testo di Giuliano Scabia e curato da Rolando Tarquini. Da ricordare, nel 2001, anche il progetto di sperimentazione PRìNCIPI E PRINCIPESSE OPELPIANI.

"PRINCIPESSE E PRINCìPI OPELPIANI /2001
Testo di: Ruggero Campagnoli(*) Messa in scena di: R.Tarquini con: Officina Manicomics (*) Ruggero Campagnoli, oltre ad essere autore dell'opera è membro di OPELPO (OPificio di ELaborazione POtenziale)
"Principesse e princìpi Oplepiani" è una provocatoria e "acrobatica" messa in scena di un testo teatrale ricavato attraverso un procedimento semi-automatico e regolato da precise regole di produzione. La provocatorietà, per il teatrante, risiede nel rendere "giustizia" al senso della scrittura che, apparentemente, appare senza cuore e senza fiamma artistico/creativa o ispirazione. Ma eccezionalmente "regolata". Ci siamo appoggiati, per implementare la messa in scena, ai pochi indizi dati dall'autore circa la stesura del testo stesso e del procedimento analitico di selezione del plot e delle battute. Ma soprattutto ci interessava esplorare, per verificarne la veridicità e la possibilità d'uso teatrale, alcuni assunti che stanno alla base di tale scrittura: l'elaborazione di strutture dotate di carattere potenziale rispetto alla creazione artistica; l'utilizzo di attività superflue per l'elaborazione di strutture dotate di carattere potenziale; la possibilità di produzione di finzioni artistiche di ogni genere e specie; il far prevalere l'attenzione alla struttura rispetto all'attenzione all'esecuzione; la scelta dell'implosione del "non dire" regolata da restrizioni precise rispetto al visceralismo informale del "dire" esploso".

1999/2000
L'L.P.M, prosegue quindi per il secondo anno. La locandina di pubblicità del percorso evidenzia che i contenuti mantengono un filo rosso che è proseguito sino ad oggi:

" MANICOMICS TEATRO organizza un laboratorio teatrale rivolto tutti a coloro che intendono iniziare o approfondire la visione di un linguaggio teatrale basato sulla improvvisazione, sul movimento, sull'immagine, e sulla narrazione. Nel programma del corso sarà data particolare attenzione al lavoro individuale di ciascun partecipante, ognuno dei quali sarà accompagnato e spinto ad affrontare il proprio agire creativo di pari passo con quello tecnico. Coordinatori e conduttori dell'attività saranno i componenti di Manicomics Teatro. Periodo - Novembre 2000 – Maggio 2001
Frequenza - Un incontro settimanale di 3 ore, oltre un seminario mensile di approfondimento su argomenti specifici ( voce, commedia dell'arte, clown, canto, ..). L'accesso al laboratorio è aperto a tutti i maggiori di 18 anni. Al momento dell'iscrizione verrà effettuato un breve colloquio in modo da orientare la struttura didattica del laboratorio. Si richiede una disponibilità ad un percorso di training fisico".

Nasce quest'anno, informalmente, l'embrione dell'Officina M (così come si chiama oggi). Ovvero una scuola di teatro aperta a tutti. A tutti quelli che interessati al teatro, alla comunicazione e ai linguaggi espressivi.

Il laboratorio 1999/2000 verteva sulla tematica dei 7 VIZI CAPITALI. Da ricordare, nell'anno 2000, anche il progetto-spettacolo LA NAVE DI FOLLI.

"LA NAVE DEI FOLLI /2000
di: M. Mozzani e P.Pisi. produzione: Manicomics Teatro con: Officina Manicomics "La nave dei folli" è un bastimento carico di soldati di ventura si muove. E' la parata di un piccolo esercito costituito da cavalieri erranti corazzati con originali e stravaganti armature fatte da pentole, tegami, coperchi e ammennicoli vari . Alcuni cavalieri si muovono su una "nave-carrello " con albero maestro, vela e timone , altri avanzano a piedi facendosi spazio tra la gente divulgando il messaggio, tra loro ne svetta uno alto quasi tre metri è bellissimo ma non è il capo; la loro guida è un santone che sparge incensi e profumi, oltre a stravaganti benedizioni. Altri cavalieri donano invece dolcezze , poesie , bolle di sapone e vin brulè, se la temperatura è rigida, o tè ghiacciato in caso di caldo torrido. Si fermano per una pausa e circondati da tanti, tantissimi curiosi inscenano una dimostrazione commerciale, ma i loro prodotti sono alquanto originali, i soldati-buffoni mettono all'asta il tempo, la musica, vendono istruzioni per vivere oppure punti fermi , responsabilità e pace".

1998/1999
Nasce in questi anni il Laboratorio Permanente Manicomics ovvero L.P.M. Una proposta di percorso laboratoriale sull'arte dell'attore indirizzata a trasmettere il sapere e le ricerche di Manicomics Teatro. Un ambito di sperimentazione e ricerca sui linguaggi teatrali per i componenti della compagnia, che a quel tempo sono Arcelloni Filippo, Mauro Mozzani e Rolando Tarquini i quali aprono ad un corso di allievi la possibilità di apprendere i linguaggi del Teatro. Un percorso sperimentale e di prova che ottiene un buon risultato e produce una richiesta di continuità da parte degli allievi.

 

Hanno partecipato come allievi alla Scuola di Manicomics , dal 1998:

2016/2017: BANDERA TOMMASO, DE NARDI MATTEO, DI BENEDETTO PIETRO, GHISALBERTI LIA, MOZZANI SIMONE, PASCAI ANDREA MARCO,  SANTANIELLO GIULIO, SANTANIELLO LORENZO RAYAN AZUR, VARASANO ANITA, BORGHI GABRIELE, BERGONZI CHIARA, CABRINI CAMILLA, CAMONI VITTORIA MARIA, CHIA GIADA, GASPERINI GERARDO, LUNARDINI FILIPPO, LUPI SUSANNA, PALLADINO MARIO, PANZARIELLO RITA, PERATICI BIANCA, RAGALLI THOMAS, REBECCHI ANNA, SANZ ANNA, SAVI LUCIA, TRENTAROSSI IAN, BOSI PIETRO, BIANCHI JAQUELINE, BRAZZOLI ANITA, CAPURRI GAIA, DELLEDONNE MARTINA, GEROSA IRENE, KARAFILAJ EMMA, LOMBARDO FRANCESCO, MAGNELLI CAMILLA, MICHELI ANDREA , MADDALENA MORAGLIA MARTA, OPPICI MICHELE, PASQUINELLI PIETRO, TAGLIAFERRI CATERINA, PIAZZI ALICE, TARANTINO VIRGINIA,, ARMENISE ISOTTA, BIFFI IRENE, BOTTERI SARA, CERRI FERNANDA, CROCICCHIO NICOLA, FERRARI MARIA AUGUSTA, IPRI VITTORIA, MASERATI RENATO, POLLINI MICHELANGELO , REPETTI MARGHERITA, RIBONI MARTA, GARBUCELLI GIANMARIA, SANTORO ANTONIO, ,ZILIANI CLARISSA, ZILIANI FRANCESCA, BRIGGI CRISTIAN, BRUNO CAROLINA, CAPRI' FRANCESCA, CHIAPPARINI CRISTIANO, CASELLA ALICE, DADA' TIZIANA, DONATI FLORENTINA, GHEZZI LUANA, IAVARONE CLAUDIA, LA LATTA LAURA, MALAGNINO DANIELA, MOLINARI IVANA, ZANDEGIACOMO PRUSSIA BARBARA, CONTI ROSSANA, GIUPPONI GIOVANNA, BOTTASSI BARBARA, BOLZONI ALESSANDRA, CANTELMO GIUSEPPE, GODIZZI NOEMI, LODIGIANI LUCA, MASERATI LORIS, SPELTA CLAUDI, AGOSTI CARLO, BENSI FRANCESCO, CAMPOMINOSI DANILO, COSTELLINI GIULIA, SUSANI MARIO, SVERZELLATI LUIGINA, TRECORDI GRAZIELLA, TARQUINI MARIA CRISTINA, Arrigoni Emilia, LISé ELISABETTA, Zacconi Shivam
2015/2016: BOSELLI SAMUELE, CAPELLI CATERINA, CORSI AMANDA, SELLA DAVIDE, SANTANIELLO LORENZO RAYAN AZUR, VARASANO ANITA, MULINI ANDREA, MENOZZI NAYELI, PESANTE DANIELE, RUGGIERI NICOLE, CAMPOMINOSI LORENZO, BERGONZI CHIARA, BORGHI GABRIELE, BOSI PIETRO, CAPURRI GAIA, CHIA GIADA, GAFFURI SOFIA, GRANELLI TOMMASO, GHILARDOTTI ANGELICA, MICHELI JORDAN, MICHELI MORGAN, PALAZZINI GIORGIO, PASQUINELLI PIETRO, PERATICI BIANCA, PILATO ANAIS, SGORBATI DAVIDE, VIDI FRANCESCO, BRAZZOLI ANITA, BERSANI AURORA, BLESI LUCA, BOLZONI MAURIZIO, CARUSI CHIARA, DELLEDONNE MARTINA, GEROSA IRENE, GIAGNORIO FEDERICA, GUIDOTTI GIUDITTA, LOMBARDO FRANCESCO, MAGNELLI CAMILLA, MAGNELLI CHIARA, MICHELI ANDREA MADDALENA, MONCHERONI MARCO, MONTIS FRANCESCA ROMANA, OPPICI MICHELE
PARINI ALESSIA, PIAZZI ALICE, POLLINI MICHELANGELO, TAGLIAFERRI CATERINA, BOTTASSI BARBARA, BOLZONI ALESSANDRA, FELLEGARA ENRICA, FELLEGARA RAFFAELLA, GODIZZI NOEMI, PERINI VOLCOV CRISTIAN, SESENNA LAURA, SPELTA CLAUDIA, BARBIERI MORGANA FABIOLA GIULIA, CERIOLI DARIO, CHIESA IVAN, FAVA CECILIA, FLACE GIUSEPPE, ISIDORI LUCA, LODIGIANI LUCA, MAGGI GIOVANNI, MASERATI LORIS, MARADINI FLAMINIA, PARMIGIANI BEPPE, SPELTA GIOVANNI, AGOSTI CARLO, BENSI FRANCESCO, CAMPOMINOSI DANILO, COSTELLINI GIULIA, DADATI ARIANNA, SCALAMBRA LOREDANA, SILVA GIULIA, SUSANI MARIO, SVERZELLATI LUIGINA, TRECORDI GRAZIELLA, TRAVERSO GLORIA, TANONI CLIZIA, GANDI FEDERICO, REBELLA ROBERTA, TRIGGIANI RICCARDO.
DAL 1998 al 2015: Albertelli Massimo, Albonetti Filippo , Anelli Sergio, Aimi Francesco , Arzani Anna, Arvedi Nicola, Azimi Enrica , Barocelli Francesco, Bongiorni Erika, Bossi Agostino, Campominosi Danilo, Caminati Mauro, Caravaggi Paolo, Carrara Tiziana, Castelli Giorgia, Castelli Barbara, Ceriati Silvia, Cerri Filippo, Cribari Alessio, De Vincenzi Annalisa, Fantinati Elisa, Fornari Simona, Franzoso Michel, Groppelli Serena, Guerra Paola , Lavezzi Maria, Maciga Rita, Macrì Paola, Grazia Mancini, Mandelli Marco, Marica Bonelli , Mazzocchi Marino , Mingrone Elvira , Padovani Laura , Pecora Simonetta , Piazzi Fabio, Pisi Paolo, Poggi Gianluca , Poggi Paola , Orsi Carola, Pedegani Matteo, Polloni Massimiliano, Rancati G.Marco, Raimondi Graziella., Ridella Michela , Scatola Giusy, Schiavi Manuela , Sgambuzzi Luca, Silva Daniela, Tondini Chiara, Uber Elena, Vacirca Laura, Valla Claudia, Vallavanti Laura , Zucconi Stefano, Fabio Bergamini, Carlo Bonelli, Sara Bonomini, Lodovico Camia, Elisabetta Fiocchi, Barbara Gallini, Michela Magnelli, Cristina Manconi, Silvia Migliorini, Alessandro Peruzzi, Barbara Rossi, Edoardo Sgorbati, Elisa Tonini, Mirella Tosi, Nicola Arvedi, Danilo Campominosi, Alessio Cribari, Michel Franzoso, A. Guerra, Laura Padovani, Gianluca Poggi, Bertolotti Stefano, Braghieri Primo, Boselli lara, Ferdenzi Simona, Fontana Ilaria, Gobbi Daniela, Gattoni Lorenzo, Manelli Paola, Pedrini Enrico, Ramirez Erika, Sacca Luca, Tarquini Cristina, Foppiani Stefano, Brugnoni Lucia, Chiodaroli Tania, Ferdenzi Alberto, Ghisalberti Matteo, Inzaghi Sabrina, Moltemi Isabella, Negri Eleonora, Pastorin Daniel, Pastorin Eva, Scaroni Donatella, Sogni Alessandra, Tanoni Clizia, Tonello Alberto, Trabacchi Chiara, Carola Orsi, Chiara Tondini, Elena Uber, Francesco Aimi, Grazia Mancini, Graziella Rimondi, Marco Mandelli, Max Polloni, Paola Macrì, Simona Fornari, Cristina Manconi, Rossi Barbara, Tonini Elisa, Sgorbati Edoardo, Poggi Gianluca, Serena Groppelli, Gallini Barbara, Sozzi Lucia, Guida Anna, Maiocchi Mariangelo, Corbellini Sonia, Visconti Francesco, Dotti Dante, Fiorani Silvia, Scarabelli Emanuela , Scarabelli Mary, Iacini Luana, Iacini Veronica., Aimi Francesco, Simona Fornari, Mancini Grazia, Graziella Rimondi, Sgorbati Edoardo, Tarquini Maria Cristina, Tonello Alberto, Fontana Ilaria, Ferdenzi Simona, Foppiani Stefano, Sozzi Lucia, Corbelli Sonia, Guida Anna, Terlizzi Emilio, Radaelli Guido, Rimondini Francesca, Laura Teodoro, Carini Daniele, Campus Candido, Ernesto Ghigna, Salviati Barbara, Eleonora Corsalini, Sancrotti Nicolo', Dalcerri Agostino, Bordini Francesco, Brunetta Schiaffonati, Viviani Francesco, Bosoni Romina, Annalisa Pancini, Peverelli Silvia, Elena Gualla, Lieta Beotti, Bernardi Mariangela, Manilia Mariana, Michela Dallacasagrande, Doriano Crippa, Cicero Cristina, Morena Marchionni, Rossetti Cinzia, Le Bras Sylvie, Agosti Carlo, Botteri Barbara, Botteri Marta, Giuseppe Grazia, Guida Luisa, Giulia Buvoli, Maddalena Conni, Andrea Manca, Ghigna Sebastiano, Agostino Dal Cerri, Francesco Bordin, Carlo Agosti, Mariana Maniglia, Ilaria De Maria, Mariangela Bernardi, Lieta Beotti, Cinzia Rossetti, Paolo Barbieri, Valerio Calamari, Carlo Castelnuovo, Luigi Ciriolo, Chiara Cuminetti, Marilena D'Ascanio, Fabio Esposito, Beatrice Grandini, Francesca Lupini, Ludovica Rapisardi, Arcangela Ricciardi, Serenella Rizzi e Federico Romano, Belloni Chiara, Chiappelloni Mauro, Commendatore Francesca, Dadati Arianna, Ferrari Agradi Gianluca, Piola Tiziana, Rapetti Eleonora, Tamagni Roberta, Trecordi Graziella, Zedda Ilaria, AMADUCCI CARLA, CARVALO DA GAMA LEONARDO, DORDONI ALICE, GUERRINI JACOPO, PIAZZI ALICE, SABBA MARCELLO, RAGUSA MONICA, RAGUSA SILVIA, QUAGLIAROLI VIOLA, REGGI ARIANNA, RUGGIERO ALICE, TARASCONI LINDA, TARANTINO VIRGINIA TORSELLI TIZIANO, VENEZIANI GRETA, DOSSENA REBECCA, CETTA MARTA PIA, ABELLI ROSANNA, BARBIERI CHIARA, BINI CHIARA, CASANA LINDA-Mori Raffaella, CERVINI SIMONA, CHIESA IVAN, COSTA MANUELA, FASOLI BEATRICE, GANDOLFI BRUNELLA, GRISOLI DAVIDE, LIVI ELISA, MAROTTA ALBERTO, POZZOLI NICOLA -Bonvicini Nicoletta, RIDENTI DANIELA, SCAGLIA FABIO, SVERZELLATI LUIGINA, TRIGGIANI RICCARDO, SCALAMBRA LOREDANA, PASTORELLI SABRINA (OTE) ORLANDI GIORGIA, CIRIOLO LUIGI - Ciriolo Antonello, ACCORDINO ROBERTA, PISELLI NICOLETTA, PIANA NICOLETTA, LODDI CARLA LUCIA, BARBIERI ANNA, BERTOZZI SIMONE, CARTASIGNA GIORGIA, CHIAPPINI EMANUELE, CURTO' GABRIELE, FENUCCI PIETRO, GNARINI SAMUELE, MASERATI CLAUDIA, MEZINI GRISELD, ROLLERI CAMILLA, TEDALDI GRETA, ZAVATTONI ANNALISA, BONVINI LAURA, GAZZOLA CHIARA, BERNARDI MARIANGELA, BOZZETTI ELENA, COSTELLINI GIULIA, DADATI ARIANNA, DE CIANTIS CHIARA, FERRARI AGRADI GIAN LUCA, GANDI FEDERICO, PICCOLI GIULIA, REBELLA ROBERTA, RAPETTI ELEONORA, SILVA GIULIA, SUSANI MARIO, TACCHINI LUCA, TRAORE MOUSSA, TRECORDI GRAZIELLA, TREVISAN CARLOTTA, BEDANI BENEDETTA, MANIGLIA MARIANA, BERTOLI SUSANNA, FIORANI ELENA, MAZZOCCHI GIULIA, PATANE' SARAH, ROSA GIOVANNI, BERNI EMANUELE, CETTA MARTA PIA, COLAGRANDE SILVIA, CANTU JACOPO, FUMAGALLI ELISA, MALDOTTI STEFANO, MERLI MARIA SOLE, SABBA MARCELLO, TARANTINO VIRGINIA, TARASCONI LINDA, TORSELLI TIZIANO, PESCE FEDERICO, PIAZZI ALICE, POGGI ALICE SOFIA, SORESSI FILIPPO, TRUFFELLI PORNIMA (PIA ), ZILIOLI CLARISSA, AMADUCCI CARLA, BAZZANI NATALIA, BOIARDI ALLEGRA, CANTU BENEDETTA, CERESA ELISA, CRETA ANDREI, EDINI VALENTINA, GNARINI SAMUELE, FENUCCI PIETRO, GANDINI BEATRICE, GHIADONI MARCELLO, MEZINI GRISELD, ORSI PIETRO, PARENTI ANNA, POLLINI MICHELANGELO, RAGUSA MONICA, RAGUSA SILVIA, RECA TANIA, TEDALDI GRETA, ZAVATTONI ANNALISA, ARAIA CRISTINA, BENSI FRANCESCO, BERGAMINI CLAUDIA, CONSIGLIERI PAOLINA, FERRO PATRICIA, FITTABILE MARIDA, GIRARDI ALESSANDRO, GAZZOLA ROBERTA, GRESIA GIANLUCA, MARIOLI DAVID, MASCHI ELISABETTA, MANZONI ANTONIETTA, TRAVERSO GLORIA, ARGOITIA JUAN MARTIN - BOZZETTI ELENA,  COSTELLINI GIULIA, DADATI ARIANNA, DE CIANTIS CHIARA, FASOLI BEATRICE, PICCOLI GIULIA, RIDENTI DANIELA, SCALAMBRA LOREDANA, SILVA GIULIA, SUSANI MARIO, SVERZELLATI LUIGINA, TACCHINI LUCA, TRECORDI GRAZIELLA, TRIGGIANI RICCARDO, REBELLA ROBERTA, Piazzi Alice, Fumagalli Elisa, Bosi Pietro, Ruggeri Marta, Gerosa Irene, Pandolfi Viola, Pasquinelli Pietro, Montis Francesca Romana, Micheli Andrea, Micheli Jordan, Micheli Morgan, De Pasquali Lorenzo, Girardi Manuel, Lazri Samuel, Bensi Francesco, Bozzetti Elena, Dadati Arianna, Piccoli Giulia, Scalambra Loredana, Sverzellati Luigina, Trecordi Graziella, Triggiani Riccardo, Ridenti Daniela, Traverso Gloria, Zacchini Silvia Simona, Costellini Giulia, Cantù Benedetta, Parenti Anna, Chiesa Agata, Abbiuso Camilla, Gnarini Samuele, Fenucci Pietro, Mezini Griseld, Addabbo Erica, Alberici Chiara, Filella Martina, Cerioli Dario, Gasser Maria Luisa, Parmigiani Beppe, Flace Giuseppe, Chiesa Ivan, Balestreri Giovanna, Maggi Giovanni, Laftomi Kamal, Bolognese Isabella, Fava Cecilia, Ghezzi Francesco, Maradini Flaminia, Bergonzi Chiara, Boselli Tommaso,Bosi Pietro, Capurri Gaia, Chia Giada, Donelli Alice, Girardi Manuel, Gerosa Irene, Ghilardotti Angelica, Guglielmoni Gioele, Livelli Greta, Peratici Bianca, Lazri Samuel,Micheli Andrea, Micheli Morgan, Micheli Jordan, Pasquinelli Pietro, Strini Carmelo, Torselli Tiziano, Amaducci Carla, Bersani Aurora, Carusi Chiara, Lanati Lula, Magnelli Camilla, Molinari Francesca , Montis Francesca Romana, Piazzi Alice, Pollini Michelangelo, Tagliaferri Caterina, Cavazzuti Simone, Cremona Monica, D'Aversa Arianna, Lodigiani Luca, Maserati, Loris, Mezini Griseld, Scaglia Simone, Spelta Giovanni, Cerioli Dario, Chiesa Ivan, Fava Cecilia, Flace Giuseppe, Gasser Maria Luisa, Maggi Giovanni Antonio, Maradini Flaminia, Parmigiani Beppe, Tanoni Clizia, Bensi Francesco, Campominosi Danilo, Costellini Giulia, Dadati Arianna, Scalambra Loredana, Silva Giulia, Susani Mario, Sverzellati,Luigina, Traverso Gloria,Trecordi Graziella, Agosti Carlo, Ghisalberti Matteo, Piazzi Fabio, Rimondi Graziella.